Il vuoto non è il nulla.

Astrantia_major_ENBLA08“La trasmutazione alchemica dal fiore alla persona è oggi possibile”

Astrantia è un fiore, una pianta bellissima, oppure no perché non ha importanza, e come tutti i fiori rischia di perdersi nel prato finché non viene conosciuto finché non è osservato.

Così accade spesso ad ogni persona, ad ognuno di noi nel prato di questo mondo.

Astrantia è metafora! Rappresenta idealmente ogni persona ed ogni fiore in cui ci si voglia identificare.

Ma cosa è una persona, cosa è realmente un individuo?

La scienza direbbe che siamo un campo elettromagnetico, un fenomeno biochimico e tant’altro.

Ma una persona è, e verrebbe da dire, è soprattutto l’insieme delle sue relazioni: esiste in quanto è conosciuta e ri-conosciuta.

Ogni individuo si espande idealmente ma concretamente in ogni luogo del mondo in cui vi sia qualcuno che lo ricorda, che corrisponde un sentimento.

Ognuno è un punto sul mappamondo dal quale emanano rotte aeree verso luoghi vicini e lontani.

Ecco, l’associazione Astrantia vuole semplicemente essere un archivio di destinazioni e relazioni vicine e lontane.

Nelle relazioni si trasmette il fare e il saper fare; dall’ intensità e qualità delle relazioni si origina il desiderio e il voler fare. Questo accade nel prato della nostra vita.

Similmente il fiore trasmette la sua eredità chimica al prato e ad ogni primavera il prato si rinnova!

È un primo aspetto significativo del nostro progetto sociale:

saper e voler essere dono, in tutto o in parte, di sé agli altri per ciò che sappiamo essere e per ciò che sappiamo fare.

Qualcuno osserverà: “Eh! Son bei principi, ma la realtà è diversa…”.

Rispondo così: ognuno si confronti con il dono della propria libertà; non è obbligatorio riuscire, è obbligatorio provare.

Una qualsiasi libertà non esiste se non diventa azione.

Vi è un ulteriore e fondamentale aspetto da considerare: tra fiore e fiore, tra ogni erba e ramo c’è spazio, c’è vuoto, ma è proprio quel vuoto che dà la “tridimensionalità” al nostro prato.

Similmente accade tra persona e persona e dentro ogni individuo nel prato della vita. Nel cuore di ognuno c’è del vuoto: può essere solitudine o dolore duro e faticoso, può esser desiderio e attesa, ma davvero quel vuoto non è nulla!

Nel campo di Astrantia, ovvero nel nostro progetto sociale, quel vuoto è tenuto in massima considerazione, perché è profondità: è lo spazio della solidarietà e del reciproco aiuto.

Ciò che rende unico e bello un prato è l’insieme di tutte le erbe, degli spazi e dei fiori, anche quelli più strani.

Vale nel prato di Astrantia, ci piacerebbe valesse nel prato di questo mondo!

Questi quindi i valori di fondo; ed è l’unica chiave di lettura per chiunque valuti la prospettiva di aderire al nostro progetto.

Non si chiede l’adesione convinta ad una generica associazione, bensì “un’adesione convinta a sé stessi”.

L’Associazione è un semplice mezzo; il fine unico, ultimo e vero è consentire ad ognuno di farsi fiore e di rendere più bello oppure no, secondo libertà, il prato della vita in ogni luogo del mondo.

Con amicizia, il Presidente

Danilo Moretton.

12.442 risposte a “Il vuoto non è il nulla.


    Fatal error: Allowed memory size of 134217728 bytes exhausted (tried to allocate 12238848 bytes) in /web/htdocs/www.associazioneastrantia.org/home/wp-includes/comment-template.php on line 2096